come potare le rose

Come potare le rose

La potatura delle rose riveste una grande importanza per far sì che una pianta cresca sana e vigorosa, ecco perché oggi vi spiegheremo come potare le rose al meglio.

Chiaramente vi sono delle regole specifiche per potarle adeguatamente, così come vi sono dei prodotti per la cura delle rose specifici.

Le regole, però, sono molto diverse tra loro e la sfida vera e propria consiste nel rendersi conto di quale sia la regola da applicare in base al tipo di rosa che abbiamo davanti.

Potatura rose: scopi molteplici

potatura rose

Una rosa va potata per diversi motivi, i principali sono i seguenti:

  • Diminuire la taglia della pianta;
  • Modellare la pianta in base alle proprie esigenze;
  • Ripulire la pianta, eliminando rami morti, spezzati o semplicemente malformati;
  • Rinnovare la pianta, grazie allo sviluppo di nuovi rami basali;
  • Focalizzare le riserve solo su determinati steli, in modo da ottenere boccioli più grandi.

Inoltre se volessimo stabilire un rapporto tra la potatura e la fioritura, potremmo dire che: maggiore è la potatura delle rose, più i fiori risultano essere grandi; al contrario, minore è la potatura, maggiore sarà la presenza di fiori più piccoli.

Diversi appassionati guardano la potatura delle rose con incertezza, dal momento che ogni varietà di rosa richiede la sua modalità di potatura. Alcune specie, infatti, vanno potate ad inizio stagione mentre altre in inverno. Ancora, ad essere diversa è la stessa intensità di potatura. Così, ad esempio, la rosa chiamata Floribunda necessita di una potatura leggera per fiorire, a differenza dell’ibrido Tea, che genera fiori grandi, vuole una potatura robusta per ottenere una fioritura rigogliosa.

Quando potare le rose: inverno

Quando potare le rose? Preferibilmente vanno potate in inverno inoltrato, ovvero quando la caduta delle foglie è ormai compiuta e i nuovi germogli non sono ancora spuntati. Le piante giovani, necessitano una potatura attenta e i tagli devono essere meno energici. Per il suo sviluppo è opportuno lasciare un numero sufficiente sia di steli che di gemme.

La potatura deve tenere in considerazione, sia le dimensioni che l’età della pianta. In linea generale è opportuno lasciare 4-8 steli, anche di meno nelle piante più rigogliose. Ad esclusione delle rose rampicanti, la cui potatura è più energica, la fioritura risulterà più copiosa.

Mi raccomando, non tagliare le gemme più forti, che si localizzano a metà stelo e, solitamente prossime alle foglie più rigogliose. È importante non eliminare le gemme che sono rivolte verso l’esterno, in maniera tale da svilupparsi verso l’esterno della pianta. Sono queste, solitamente, le gemme che creano i fiori più grandi.

Ogni pianta, inoltre, è composta da rami vecchi e giovani; per dare la forma desiderata alla pianta è opportuno fare una cernita dei rami ed eliminare i rimanenti, soprattutto quelli più vecchi. Sui rami più vecchi restanti, è necessario lasciare sempre un germoglio laterale.

Quando potare le rose: estate

La potatura delle rose in estate si attua con la semplice rimozione dei fiori appassiti dopo la prima fioritura. È necessario eliminare i fiori prima della formazione dei frutti che contribuiscono all’indebolimento della pianta e ne ostacolano la seconda fioritura. Anche se ogni ogni varietà ha i suoi tempi, in generale, dopo la prima fioritura la pianta fiorisce di nuovo dopo circa 6-10 settimane. La potatura estiva che ha il compito di far rifiorire la pianta va riprodotta più volte, anche fino a 6 settimane prima dell’arrivo dei primi geli invernali.

Rose rampicanti: potatura

Rose rampicanti: come potarle? Le rose rampicanti presentano uno stelo morbido e flessuoso a differenza delle rose a cespuglio. Crescono e si sviluppano a livello del terreno, ma spesso vengono usate per abbellire pergolati e terrazze o lasciate crescere lungo muri. È ovvio che per svilupparsi in altezza abbiano bisogno di sostegni.

Quando si attua la potatura delle rose rampicanti bisogna prima selezionare i rami più vigorosi, che saranno quelli a generare i fiori più belli e rimuovere i rami vecchi. L’impiego di tutori sosterranno al meglio i nuovi germogli.

Potatura rose a cespuglio

La prima cosa da fare è eliminare le foglie in più e accorciare i rami fino ad una lunghezza di circa 15 cm. Quando poti le rose devi tenere in considerazione la forma che vuoi darle, ricorda solo di non eccedere con la larghezza, affinché non risulti vulnerabile ai soffi di vento.

Potatura rose in miniatura

La potatura delle rose in miniatura deve essere limitata, le nane mai. Anche in questo caso è necessario eliminare i rami morti o spezzati. Se lo reputi necessario, taglia qualche ramo per donare alla rosa la forma che desideri.

I ricacci dal selvatico: cosa sono

I ricacci dal selvatico sono quei rami che nascono e si sviluppano sotto il punto d’innesto. Nel momento in cui compaiono è necessario rimuoverli subito. Sono chiaramente identificabili perché hanno un aspetto, un colore e un fiore diverso dal resto della pianta.

Prendersi cura di una pianta, e in particolar modo di una delicata rosa, non è semplice. Necessitano di cure e attenzioni continue, ma una volta in fiore, lo spettacolo è unico.

 

Potrebbero interessarti anche:

tecniche di potatura

quali sono i tipi di potatura

 

La potatura delle rose riveste una grande importanza per far sì che una pianta cresca sana e vigorosa, ecco perché oggi vi spiegheremo come potare le rose al meglio. Chiaramente vi sono delle regole specifiche per potarle adeguatamente, così come vi sono dei prodotti per la cura delle rose specifici. Le regole, però, sono molto diverse tra loro e la sfida vera e propria consiste nel rendersi conto di quale sia la regola da applicare in base al tipo di rosa che abbiamo davanti. Potatura rose: scopi molteplici Una rosa va potata per diversi motivi, i principali sono i seguenti:…

Score

x

Check Also

come potare albicocco

Come potare un albicocco: Consigli e Tecniche di Potatura albicocco

Potare un albicocco è un’operazione delicata e precisa e, come molti altri alberi da frutto, ...