potatura ciliegio

Potatura ciliegio: come potare il ciliegio

La potatura. Tecniche e segreti


Venduto anche a: EUR 15,02 Disponibile

Potatura ciliegio: in questo articolo vediamo come effettuare una corretta potatura del ciliegio, un albero, appartenente alla famiglia delle Rosaceae, il ciliegio è presente in Europa, in Asia e perfino in estremo oriente. Del Giappone, ad esempio, caratterizza i paesaggi più emblematici. Il ciliegio giapponese è una pianta da fiore che viene chiamata Sakura.

potatura ciliegio

Il ciliegio è noto per la sua bellezza oltre che per la bontà dei suoi frutti. Coltivare un albero di ciliegio nel proprio giardino conferirebbe a quest’ultimo un fascino ulteriore. Oltretutto, il ciliegio non necessita di particolari interventi di manutenzione. E’ importante ricordare tuttavia che seguire alcune importanti norme per una corretta potatura è necessario al fine di rendere il nostro ciliegio bello e rigoglioso.

CONOSCERE IL CILIEGIO PRIMA DI EFFETTUARE LA POTATURA

Soprattutto se il nostro intento è quello di coltivare e prenderci cura di questa meravigliosa pianta, credo sia utile conoscerne le principali caratteristiche:

  • Il ciliegio è presente soprattutto nelle zone alto-collinari, data la sua notoria resistenza al freddo. Esso è infatti in grado di resistere anche ai climi più rigidi, fino a -30°;
  • Si tratta di un albero deciduo, o caducifoglie, cioè che tende a perdere tutte le sue foglie durante la stagione meno favorevole, solitamente l’inverno;
  • preferisce i luoghi umidi ma non ama i ristagni d’acqua;
  • può anche superare i trenta metri di altezza e vivere 100 anni ma ha bisogno di tanta luce ed è sensibile al taglio. Soprattutto dopo aver tagliato parti più robuste, possiamo assistere alla formazione, sul taglio stesso, di una sostanza gelatinosa.

Proprio per questa sensibilità al taglio, dobbiamo avere maggiore cura quando andiamo ad effettuare la potatura del ciliegio.

Ma procediamo per gradi, distinguiamo innanzitutto tra potatura di formazione e potatura di produzione.

POTATURA DI FORMAZIONE

La potatura di formazione o di allevamento è la potatura che andiamo ad effettuare quando la pianta è ancora giovane, durante i primi 4 o 5 anni di vita.

Innanzitutto dovremo aspettare che la pianta abbia raggiunto un altezza di almeno 70 cm. Successivamente, essendo il ciliegio un albero dalla forte dominanza apicale, ovvero l’apice vegetativo “controlla” lo sviluppo delle gemme laterali, dovremo potare la parte centrale del tronco a un altezza di 90 cm circa per favorire lo sviluppo delle ramificazioni laterali.

Al fine di donare equilibrio alla struttura dell’albero, dobbiamo individuare i tre o quattro rami laterali, aventi la loro base sul tronco, che diverranno i rami principali del nostro albero.

I restanti rami andranno eliminati completamente effettuando il taglio alla loro base. Il taglio deve essere netto e rasente al tronco.

La stagione successiva, dovremo individuare due rami su ciascun ramo principale, ben distanziati fra loro, che dovremo tagliare a 3 o 4 cm dalla base, al di sotto della prima gemma.

Bisogna favorire la crescita verso l’esterno e quindi bisogna andare a tagliare i rami diretti verso il tronco. In questo modo garantiremo all’albero la luce di cui ha bisogno.

POTATURA DI PRODUZIONE

Per la potatura di produzione deve essere effettuata prima che il periodo di fioritura abbia inizio, per far sì che tutta l’energia della pianta venga spesa per la produzione di nuovi vigorosi rami.

Dobbiamo tenere d’occhio i rami che tendono verso l’esterno poiché sono quelli che fruttificano maggiormente.

E’ importante che i rami non produttivi vengano tagliati alla base mentre i rami produttivi devono essere tagliati seguendo la tecnica della potatura di ritorno che consiste nell’andar a tagliare il ramo in prossimità di un ramo di diametro inferiore al ramo eliminato. Il taglio di ritorno ha il fine di favorire nuovi getti fruttiferi.

Quando l’albero è più vecchio ha decisamente meno bisogno di interventi di potatura. dobbiamo assicurarci tuttavia di andare ad eliminare i rami secchi e i nuovi rami che si intrecciano tra loro andando a tagliare il più esile tra i due.

Andiamo ad eliminare anche i germogli che crescono alla base del tronco poiché, con il passare del tempo, questi andrebbero a concorrere con le radici.

QUANDO EFFETTUARE LA POTATURA DEL CILIEGIO

La potatura di formazione o di allevamento va eseguita verso la fine della primavera, quando il clima più mite facilita la cicatrizzazione dei tagli da potatura.

La potatura di produzione va effettuata prima del periodo di fioritura.

UTENSILI PER LA POTARE IL CILIEGIO

  • Forbici da taglio
  • Cesoie
  • Svettatoio

Ricorda di non utilizzare strumenti da taglio a lama dentata poiché il taglio non deve avere sbavature o sfilacciamenti.

CONSIGLI UTILI SULLA POTATURA DEL CILIEGIO

Esistono poche ma importanti regole che è bene seguire, per quanto riguarda la potatura del ciliegio:

  • il taglio deve sempre avvenire in maniera netta e pulita. Deve essere obliquo con un inclinazione di circa 45° tendente verso l’esterno, al fine di non far si che l’acqua ristagni sul taglio dando luogo a infezioni fungine;
  • disinfettare sempre le lame poiché il ciliegio è particolarmente incline alle infezioni;
  • disporre sempre del mastice cicatrizzante sopra il taglio. Il ciliegio è particolarmente sensibile al taglio e, quando non opportunamente trattato, tende a produrre una sostanza gelatinosa.

Credo che queste poche norme, frutto della mia esperienza personale, possano tornare utili anche a te che ti stai approcciando alla potatura del ciliegio. Se hai già avuto qualche esperienza in merito, lascia un commento che possa arricchire questo contenuto.

Per approfondire:

Tecniche di potatura

Tipologie di potatura

Ricerche simili:

x

Check Also

come potare albicocco

Come potare un albicocco: Consigli e Tecniche di Potatura albicocco

Potare un albicocco è un’operazione delicata e precisa e, come molti altri alberi da frutto, ...